Rispetto delle linee guida

Il sito rispetta le linee guida nazionali in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

This Site is designed by

50.01 Production & Communication Ltd.

London,UK

COCCIGODINIA

La maggioranza dei casi è associata ad una mobilità anomala del coccige che dà origine a dei processi infiammatori cronici responsabili dei dolori e del degenerare del tessuto che si trova intorno. Pur potendo colpire la coccigodinia soggetti di qualsiasi età e sia maschi che femmine.

Sintomi

Il sintomo più comune della coccigodinia è il dolore che silocalizza proprio alla base della colonna vertebrale, in sede coccigea. Questo dolore può essere talmente forte da rendere impossibile lo svolgimento delle abituali attività quotidiane, la seduta, il chinarsi per raccogliere qualche oggetto, guidare, ecc. In ogni modo l’intensità del dolore è diversa a seconda del soggetto e può essere soggetta a peggioramenti man mano che passa il tempo.

La sintomatologia della coccigodinia può comprendere, inoltre:

  • Persistente mal di schiena;

  • Dolori ai fianchi, ai glutei ed alle gambe;

  • Dolore durante, ma anche prima di ogni defecazione (la coccigodinia può andare incontro a peggioramenti incasso si sia costipati e può, invece, migliorare con l’evacuazione;

  • Dolore durante i rapporti sessuali (evento abbastanza raro);

  • (Solo per le donne) Incremento del dolore durante il ciclo mestruale.

Il dolore alla regione coccigea può assumere particolare intensità nel passaggio dalle posizioni sedute a quelle erette o quando la regione subisce una compressione diretta.

Diagnosi

 

La coccigodinia non è una malattia grave, però è di fondamentale importanza poter escludere l’esistenza di altre patologie. Nella stragrande maggioranza dei casi il medico può effettuare una diagnosi di coccigodinia con la valutazione della sintomatologia così come riferita dal paziente stesso, unitamente ad esami fisici della parte inferiore della colonna vertebrale e di tutta la schiena. Controlli approfonditi di questa regione, anche mediante la palpazione, consentono di individuare possibili ed anomale masse o anche ascessi (dovuti aprocessi infettivi). L’indagine ai raggi X invece potrebbe confermare una eventuale coccigodinia.

Confrontare le immagini delle radiografie effettuate sia in posizione eretta che seduta può essere d’ausilio per la determinazione di:

  1. Eccessive o anomale mobilità coccigee;

  2. Fratture di una delle vertebre componenti il coccige;

La coccigodinia la si può osservare per mezzo delle radiografie anche in individui con movimenti coccigei del tutto normali: in tali casi la sintomatologia potrebbe derivare dalla presenza di tumori, o anche di una infezione, di borsite coccigea o anche di artrite di origine postraumatica della articolazione sacrococcigea.

Torna alla Precedente

Vai alla Successiva